domenica 15 giugno 2014

Il mio matrimonio parte seconda: "IL FATTO" rivisitazione matrimoniale in stile hippie

Lo so, lo so, sono "lievemente in ritardo" ..
Vi avevo raccontato il giorno del mio matrimonio con questo post: il mio matrimonio: parte prima
e poi non ho mai raccontato la parte seconda. Sì perchè ho sposato il mio piccione due volte! Anno 2013: in comune, in jeans, il 3 giugno, come raccontato ampiamente nell'articolo linkato sopra: cerimonia intima con genitori e testimoni, per poi ripetere il tutto due settimane dopo, esattamente il 15 giugno (un anno oggi) ricelebrando il matrimonio in un giardino vicino casa, in stile hippie.
Ha celebrato la nostra unione il nostro più caro e vero amico: Massimiliano Gualdi, che ha ideato e formulato la cerimonia. Non abbiamo chiesto agli invitati alcuna forma di dono, ma abbiamo richiesto di portare del cibo da condividere tutti insieme. Non sono state fatte bomboniere. Le partecipazioni (sopra il fronte) sono state disegnate da Sandro Pizziolo di Solideye Studio. La torta nuziale è stata preparata ad arte dalla pasticcera Francesca di Always me, in tre piani: senza glutine, vegan e tradizionale. Per gli abiti ci siamo rivolti a Donna Carmela, il piccione si è ispirato a Carlo Verdone nel suo film "un sacco bello". I miei accessori sono stati ideati e realizzati da Eleonora Battaggia di Caracol che lavora su materiali di scarto, riciclati. Il bouquet è stato opera di zia Gianna, la musica, con gran dolore del mio cuginetto, è stata selezionata da noi, esclusivamente stile anni 80, i nostri anni.. e tutto il resto lo hanno fatto gli ospiti.
Abbiamo deciso di fare questo tipo di cerimonia per festeggiare la nostra LIBERTA'
Volevamo uscire dagli schemi, da obblighi e doveri, ma soprattutto dalle tradizioni.
L'invito ad un matrimonio non può e non deve essere motivo di ansia e preoccupazione per gli invitati, ma gioia. E noi abbiamo voluto festeggiarlo così.

Vorrei ringraziare ancora oggi tutti coloro che sono stati presenti e che si sono divertiti con noi.
Ancora grazie in particolar modo a Zia Gianna, Romina e Nicola, Samuele e Sonia ed al grande Max che ci hanno aiutati nella preparazione ed organizzazione, sono stati momenti indimenticabili.

Concludo raccontando un piccolo episodio accaduto la notte successiva, il 16, con una premessa.

Avevamo scelto, come colonna sonora de " IL FATTO" la stupenda canzone di John Lennon "IMAGINE" poichè oltre ad essere stupenda ed intramontabile, descrive pienamente ciò che io ed il mio piccione pensiamo. Avremmo voluto scriverne il testo su di un lenzuolo bianco e "stenderlo" con delle mollette su di un filo ai capi di due alberi, ma sinceramente non ne abbiamo avuto il tempo.
Beh, la notte seguente al giorno del matrimonio, io ed il piccione ci siamo svegliati nel cuore della notte : era improvvisamente partita, da sola, dal computer rimasto acceso, la canzone di Lennon e andando al pc non c'era alcuna cartella aperta, non si capiva da dove arrivasse, non siamo riusciti a spegnerla. Un episodio mistico come tutto quello che avevamo creato insieme... !

Allego qui video e traduzione di : IMAGINE - JOHN LENNON

Mentre per quanto riguarda il video, ho ancora qualche problemino a caricarlo, mentre le foto, potrete guardarle qui: foto





1 commento:

Veeup ha detto...

Azzz...super matrimonio e grazie del racconto...