domenica 22 settembre 2013

Ricette con la zucca : l'elenco

In questa pagina ho raccolto e raccoglierò tutte le ricette realizzate con la zucca.
La stagione della zucca è da fine Agosto ai primi di Febbraio.
La si può usare in un intero menù, poichè essendo molto dolce, si presta perfino per farne dolci e marmellate!
E' inoltre poco calorica, avendo molta acqua ed è adatta anche ai diabetici.
acqua 94,5%
carboidrati 3,5%
proteine 1,1%
grassi 0,1%
18Kcal per 100gr di zucca

ricca di minerali: fosforo, ferro, magnesio, potassio.
vitamine C e B

E poi è squisita! C'è qualche motivo per non abbuffarsene ora che è finalmente di stagione?
Ecco le mie ricette:

salate:
agnolotti di zucca - con porri e mandorle
riso integrale con zucca, zenzero, pistacchi e cannella
riso integrale con zucca hokkaido
riso integrale alla zucca con lenticchie beluga
arancini di miglio e zucca fritti in pastella
crocchette di polenta con fiocchi d'avena
crocchette di miglio e zucca
gnocchi di miglio e zucca
mousse di tofu alla zucca
crema di zucca con pesto di spinaci crudo
zucca al forno
vellutata di zucca con crostini
tortino di patate, porri e zucca

dolci:
torta zucca e cioccolato
confettura di pomodori verdi con zucca da marmellata
composta di zucca e pere - aromatizzata con zenzero fresco e cannella



Zucca: proprietà ed impieghi della Zuc

lunedì 16 settembre 2013

Fusilli gratinati al forno con crema di melanzana bianca


Buonasera!
Oggi vi scrivo da Torino, dove mi trovo per lavoro fino alla fine del mese.
Vi racconto questa semplice ricetta, una pasta gratinata al forno con crema di melanzana bianca e besciamella macrobiotica. L'ho preparata ieri per pranzo, avevo ospiti e il tempo era brutto, freddo e pioggia. L'idea di una pasta gratinata in forno era adatta alla temperatura e al tipo di giornata, così l'ho preparata.

Di questa crema vi avevo già parlato l'anno scorso, l'ho realizzata con la melanzana bianca del mio orto e avevo speso due righe su tale melanzana e sulla ricetta in questione in questo articolo: crema di melanzana bianca

Ieri non ho fatto altro che cuocere questi fusilli giganti al dente, scolarli, condirli con la crema di melanzana bianca e della besciamella, io ho usato questa ricetta che è quella che mi piace più fra tutte : la besciamella macrobiotica senza glutine.

In una teglia, ho messo per prima un pochino di crema di melanzana con della besciamella, poi la pasta e poi di sopra altra besciamella e, a piacere, del pan grattato.

Infornate giusto il tempo necessario per farla dorare di sopra, magari accendendo 10minuti il grill.

E' una pasta al forno vegetale, senza necessità di unire formaggio, nè nulla che insaporisca, poichè il segreto, come sempre, sono:
  • gli ingredienti di alta qualità: melanzana dell'orto e cipolle nostrane, olio extravergine di oliva spremuto a freddo, io ho usato quello di Luigi Carella (chettelodicoafffare)
  • il metodo di cottura lento, il nitukè che permette alla cipolla di cuocere molto lentamente e dare sapore al secondo ingrediente addolcendolo
Io l'ho preparata per un pranzo con persone abituate a mangiare in maniera tradizionale e hanno apprezzato molto e fatto il bis, questo per dire che per cucinare bene non sempre serve necessariamente il burro, il formaggio, il dado da cucina o chissà che altro, ma gli ingredienti sani e ben cucinati!

Riassumo qui l'elenco degli ingredienti necessari per realizzarla ed i link alle due ricette dettagliate:

Per la besciamella (consiglio di prepararla diverse ore prima)
  • 50gr di farina di riso
  • due foglie di alloro
  • 500gr di acqua
  • olio extravergine di oliva spremuto a freddo
  • sale integrale
  • due cipolle bianche o bionde
  • sale integrale
  • una melanzana medio-grande
  • a piacere: basilico, timo, menta
Provatela e fatemi sapere!
E se non avete la melanzana bianca, potete farla con qualunque altra verdura di stagione a piacere!

Ecco la melanzana del mio orto: 






sabato 14 settembre 2013

"I problemi non esistono: siamo noi a crearli"

Jerry mi ha insegnato che "i problemi non esistono: siamo noi a crearli".
La prima volta che gli sentii pronunciare questa frase, in un momento difficile della mia vita in cui tutto sembrava irrisolvibile, tale frase mi aveva quasi infastidito, ma la avevo rispettata ed ASCOLTATA con interesse e ci ho riflettuto spesso nel corso degli anni trascorsi con lui, fino ad oggi.
Rifletto spesso su questa grande massima di vita, perchè è così che la considero oggi, una, tra le frasi più belle che ho tatuato nella mente.
I problemi purtroppo esistono e non sempre siamo noi a crearli, ci mancherebbe, ma spesso siamo noi ad ingigantirli dandogli troppa importanza, continuiamo a pensare a questi piuttosto che alla soluzione, convincendoci che non ne usciremo mai vivi, che è complicato, che non ce la faremo mai.
Credo che questo si il tipico atteggiamento della persona che soffre, magari depressa o stanca fisicamente e/o mentalmente, che la porta al punto di "star bene" nel proprio malessere, nella solitudine, tra i pianti a volte disperati.
Non è così che deve funzionare però, perlomeno, non per troppo tempo.
Dopo esserci "lamentati e sfogati e disperati" per un pò... giunge il momento di dire BASTA a se stessi, di alzarsi, di fare qualcosa per se stessi, di "reagire"... quella parola che da tanto fastidio sentirsi dire, quando non si ha la forza di farlo, quando si ha solo voglia di "soffrire" perchè quasi ci piace!
Beh, si riesce finalmente a reagire, a smettere di lamentarci, di piangere, di essere di cattivo umore, forse solo quando si è toccato il fondo, quando si è esagerato, quando si è tornati in sè al punto tale da cambiare il nastro e ripartire.

E allora ecco che invece di pensare alla gravità del problema, si pensa al come affrontarlo, per poi scoprire, spesso, che la soluzione c'era e magari non era neppure tanto complicata!

I problemi vanno risolti uno per volta, con calma, tranquillità e serenità.
Se non siamo in grado di farlo da soli, dobbiamo affidarci a chi o cosa può aiutarci: potrebbe essere un medico se il problema è di salute, un libro se stiamo cercando una visione diversa delle cose, un hobby se siamo stressati e abbiamo bisogno di fare qualcosa che ci fa stare bene, una forma d'arte, se abbiamo bisogno di esternare ciò che abbiamo dentro, può essere un cambiamento in casa, o nel nostro look, o nelle amicizie, se abbiamo bisogno di voltare pagina o cambiare qualcosa che ci sta stretto..

Non so se sono stata capace di rendere l'idea ..
Non so se scrivere questo post servirà più a voi o più a me stessa.
Ma so che scrivere è terapeutico, aiuta ad esternare ciò che abbiamo dentro e se non ne parliamo forse non riusciamo a vederci bene.
So che scrivere MI fa star meglio, se poi fa star meglio anche agli altri, vuol dire che funziona veramente.
Un giorno lo scriverò il mio "cazzo di libro" scusate l'espressione.... ma dico che scriverò un libro da quando avevo 8 anni circa, me lo ripeto continuamente, me lo ripetono continuamente, ma forse i tempi non sono ancora maturi o non sono matura io.

Arriverà il momento di ogni cosa, per tutti.
Sono certa che se qualcosa non arriva, è solo perchè non è ancora il momento, perchè non siamo pronti, perchè dobbiamo fare qualcos'altro prima.

Io sono in un momento della mia vita in cui sento di aver fatto tantissimo, di aver imparato tantissimo e forse sto anche insegnando altrettanto a chi mi circonda, nella vita reale o nel web.

Ma so anche che sono solo all'inizio di qualunque cammino io stia intraprendendo, c'è da fare molta altra strada, da imparare ancora tante cose, vederne altrettante, c'è tanto da fare e non possiamo perdere tempo ad aspettare, a veder scorrere il tempo che vola via senza aver concluso nulla, o peggio ancora lamentandoci seduti nei nostri silenzi.

Nel 2006 la mia vita ... non è cambiata, come ho erroneamente detto in più occasioni, ma è INIZIATA.
E da allora mi sembra di aver fatto migliaia di cose, che sembra una vita fa, sono ringiovanita e sono anche invecchiata e non posso dire di essere sempre la stessa, perchè non lo sono e cambierò ancora.

Ma sono fiera di ciò che sono, di ciò che sto diventando, di chi ho incontrato per la mia strada in questi ultimi (o primi?!) 7 anni; e sono fiera dell'uomo con cui sto percorrendo i presenti e futuri passi.

Sono arrivata a scrivere un post del genere, poichè in questo ultimo mese qualcosa è cambiato, trovo sfibrante prendermi cura di qualcuno, ma devo essere forte, posso farcela, perchè sono convinta che chi mi ha fatta in un certo senso rinascere, ha fatto di me una donna nuova, mi ha dotata di indipendenza di pensiero, mi ha donato autenticità e coraggio che prima neppure conoscevo. E soprattutto, non sono sola e al contempo stesso sono un essere libero, come ho imparato e sto iimparando in questo ultimo anno, al fianco di mio marito.
Ed ecco che il mio blog di cucina diventa al 100% parte di me, di ciò che ho dentro, di ciò che ho da dire ad alta voce. A qualcosa servirà, ed io mi sento già meglio....



mercoledì 11 settembre 2013

Ricette con limoni - l'elenco


Trovare i limoni non trattati a volte è un'impresa impossibile, così ho messo una bella pianta in terrazzo.
Oggi è così e ci sono già diversi limoni che crescono pian piano, ma ho voluto far risaltare questo stupendo fiore.. Ho messo il limone vicino ad altre piante, come mi ha consigliato mia suocera, ed in una zona del terrazzo dove non batte troppo il sole. Accanto al limone ci sono le varie piante di stevia, rosmarino, salvia, pomodori ciliegini, timo, finocchio selvatico, menta, origano, basilico etc etc..
La pianta sta crescendo a dismisura e bene.
Ma come impiegare i limoni una volta maturati?
Ho pensato di raccogliere in questo articolo tutte le ricette in cui ho adoperato i limoni, che aggiornerò man mano che le ricette aumenteranno.
Eccole qui, spero vi piaccia questo nuovo metodo di archiviazione nel blog, le sto studiando un pò tutte!

Mi scuso con tutti i lettori per la discontinuità nell'inserire nuovi articoli, ma tra lavoro e problemi familiari, spesso sono costretta ad assentarmi da casa e di conseguenza dalla mia bella cucina!

Resto comunque disponibile per un saluto, messaggi, domande, ed ovviamente le foto delle mie ricette realizzate e personalizzate da voi, che mi danno la gioia e la carica per andare avanti, sia nel blog e sia nella vita a volte difficile.

Ecco le ricette al limone di stefycunsyinyourkitchen :




giovedì 5 settembre 2013

Focaccia pugliese alla Luigi Carella


Questa ricetta nasce da un mio post sulla mia pagina facebook, che trovate qui:

Stavo impastando ed un lettore-fornitore mi ha suggerito un modo per utilizzare l'impasto che stavo lavorando. Lui è Luigi Carella, proprietario di ulivi secolari in Puglia, di cui vi avevo già parlato in questo post:  Olio extravergine di oliva - dagli ulivi secolari dell'Azienda Agricola Carella

Ecco la ricetta della mia focaccia ed il condimento suggerito da Luigi :

INGREDIENTI PER L'IMPASTO:
100gr di acqua tiepida
75gr di olio extravergine di oliva 
125gr di pasta madre
farina semintegrale quanto basta per ottenere un impasto morbido, facilmente lavorabile con le mani senza che appiccichi
mezzo cucchiaino di sale integrale

INGREDIENTI PER FARCITURA:
pomodorini ciliegini (io avevo quelli del mio orto)
sale integrale
origano (io avevo quello appena seccato della mia pianta)
olio extravergine di oliva spremuto a freddo ( io avevo quello di Luigi Carella)

PROCEDIMENTO:
Impastare e far lievitare fino a raddoppio.
In una teglia,  mettere olio extravergine di oliva spremuto a freddo (io ho usato la pietra refrattaria, quindi ho saltato questo passo e ho steso la focaccia nella pietra rovente) e stendere con le mani l'impasto, schiacciando con le dita. Unire i pomodorini ciliegini, sale, origano, olio ed infornare.

Una delizia, soprattutto per l'alta qualità degli ingredienti adoperati!


lunedì 2 settembre 2013

Schiacciata di uva nera e fichi


Buonasera a tutti!
E' trascorso un bel pò dall'ultimo post, a causa di problemi familiari ho dovuto chiudere momentaneamente la mia cucina e rientrando a casa dopo una settimana di grande stress, preoccupazioni ed emozioni varie, ero parecchio stordita.. così ho pensato che pasticciare un pò mi avrebbe fatto bene!
Mia suocera mi aveva portato dell'uva e dei fichi dalle campagne circostanti e così mi è venuta in mente una vecchia ricetta, che sicuramente conoscerete già. 
Se non ricordo male questa schiacciata è molto diffusa in toscana, si fa con l'uva rossa in questo periodo e la si trova tranquillamente nelle panetterie. Altri la fanno invece con i fichi. Io avevo entrambi i frutti e così ho pensato di fare un bel mix ed il risultato mi ha molto entusiasmato e... il buon umore è tornato!

Non metterò delle dosi ben precise, poichè ho impastato "ad occhio" ed ero poco sul pezzo per mettermi a pesare.. comunque è molto bello staccarsi dalla bilancia e creare senza schemi, senza calcoli.

Ingredienti:
farina semintegrale
pasta madre
zucchero integrale grezzo di canna
uva rossa e fichi molto maturi ( che sono perfettamente di questa stagione)

Procedimento:
In una terrina impastare farina con pasta madre e acqua tiepida nella quale avremo sciolto lo zucchero.
L'impasto dovrà essere sodo come quello del pane, lo lavoriamo ben bene e facciamo lievitare fino a raddoppio. Io l'ho messo al sole un'oretta ed è stato sufficiente. 
Dopodichè ungete una teglia e lavorate manualmente un pezzettino di impasto schiacciandolo con le dita sul fondo della teglia. Versate un pò di uva, un po di fichi tagliati a metà e cospargete di zucchero integrale grezzo di canna ed olio extravergine di oliva. Fate altri strati seguendo questa procedura ogni volta, premendo bene gli strati di impasto, chiudendo ogni volta i bordi, fino a terminarlo. A me sono usciti ben quattro strati. 
Infornate e servite tiepida.

Io ho infornato a 170° (perchè il mio forno è malfunzionante) per circa 40 minuti.

La frutta, in contatto con olio e zucchero, sprigionerà i suoi succhi, che mescolati con l'impasto, vi manderà in paardiso... e con questa io ho per un attimo dimenticato le mie ansietà.

Cucinare è una gran terapia!
Eccola durante la preparazione, in uno degli strati interni: