mercoledì 14 agosto 2013

Fagioli viola in insalata


Buongiorno a tutti, oggi stefycunsy vi propone un modo diverso per mangiare piacevolmente i fagioli, soprattutto adesso che fa caldo. Non ho fatto altro che metterli a bagno fino a vederli raddoppiare di volume, con un pezzettino di alga kombu. Dopoidichè li ho cotti in pentola in pressione per circa 50 minuti.
Scolati e lasciati raffreddare, conditi con sale integrale, olio extravergine di oliva di Luigi Carella e con un trito di sedano e cipolla rossa.
Niente male per un pranzo estivo!

lunedì 12 agosto 2013

Gelato di fragole - vegan, con e senza gelatiera


Ieri sono andata a fare la spesa nel mio orto, abbiamo raccolto con piacere parecchia vedura e abbiamo raccolto anche un pochino di fragole, poco più di 100grammi. Ho pensato che potevano essere appena sufficienti per fare un pò di gelato e così è stato. Ieri sera, per dolce, gelato alla fragola!

La ricetta è vegana, in quanto non ho utilizzato latte vaccino nè uova.
Questo gelato si può realizzare anche senza gelatiera.
Vediamo gli ingredienti ed i due diversi procedimenti: con e senza gelatiera.

Ingredienti:
150gr latte vegetale a piacere
100gr di fragole
50gr di zucchero integrale grezzo di canna

Procedimento senza gelatiera:
Mettiamo tutti gli ingredienti in un boccale e frulliamo bene con un minipimer.
Questa operazione è importante in quanto lo zucchero integrale grezzo di canna è un pò spesso e quindi va sciolto per bene. A questo punto possiamo mettere il composto ottenuto dentro a degli stampini da freezer, ricavando dei cubetti non troppo grandi. Trascorse alcune ore, mettiamo tutti i cubetti dentro un robot da cucina e frulliamo fino ad ottenere il gelato nella consistenza desiderata.

Procedimento con gelatiera:
Mettiamo tutti gli ingredienti in un boccale e frulliamo bene con un minipimer.
Questa operazione è importante in quanto lo zucchero integrale grezzo di canna è un pò spesso e quindi va sciolto per bene. A questo punto possiamo mettere il composto ottenuto dentro la nostra gelatiera, per circa 15/20 minuti. Decoriamo a piacere.

Ed ecco qui le fragoline del mio orto che ho usato per la realizzazione del mio gelato:


buona merenda a tutti!




venerdì 9 agosto 2013

Succo di prugna - e composta con stevia


Buongiorno a tutti, vi avevo già proposto un paio di ricette per autoprodurre dei succhi di frutta.
Ecco qui la terza. Ormai ho deciso: ogni volta che farò la composta di frutta preparerò anche del succo. Cioè metto in pentola la frutta pulita, con l'aggiunta di acqua, faccio cuocere fino a sfaldamento della frutta, filtro il succo e con il resto, aggiungo agar agar se necessario, per addensare un pò ed invaso: il succo da una parte, la composta dall'altra. Ovviamente sterlizzando i vasetti dentro il forno, con tappo chiuso ed invasando da bollente. Ecco il risultato ottenuto. Grande soddisfazione, fatelo anche voi, fatelo con frutta mista, di stagione, ben matura e non sarà necessario aggiungere zucchero, io al massimo metto un ramettino di stevia in cottura. Eccola durante la preparazione:

in cottura con la stevia e acqua

durante il filtraggio : sotto il succo, sopra la composta


il succo ricavato


la mia colazione, con succo alla prugna e torta senza glutine:






mercoledì 7 agosto 2013

Torta nuziale senza glutine : Always me per stefycunsyinyourkitchen


Buon pomeriggio! Eccomi dinuovo con una bella torta, anche questa volta devo ringraziare Francesca di Always me per avermi svelato i segreti del suo Laboratorio Artigianale di pasticceria vegan.macrobiotica e senza glutine. La torta di oggi infatti, è il primo piano della mia torta nuziale, che avevo infatti commissionato a Francesca per il mio matrimonio, le avevo chiesto un piano senza glutine, per i miei invitati celiaci ed eccomi quindi oggi a presentarvi la mia versione rivisitata, ma l'impasto base è quello di Francesca.

Una cosa che mi ha molto colpito di questa sua torta, è nella scelta delle farine.
Nel mio blog ci sono diverse ricette senza glutine, ma pochi dolci, poichè come immaginerete sono molto contraria a quei preparati senza glutine in commercio, quelle farine che vendono nei negozi specifici per celiaci, poichè non si capisce cosa contengano con esattezza quelle farine... e così non le ho mai comprate.
Ma Francesca mi ha svelato un piccolo "sciocco" segreto, devo dire molto efficace: usare la farina di mandorle, ovvero le mandorle tritate e la farina di riso. Fino alla farina di riso ci arrivavo anche io, ma non pensavo nè sapevo che unendola a delle mandorle tritate, si potesse realizzare una così bella, semplice, soffice torta senza glutine! Le sue indicazioni erano 2/3 di farina di riso e la restante parte farina di mandorle. Io avevo poca farina di riso e sono andata un pò ad occhio, il risultato è stato molto efficace e soddisfacente, come anche per la lievitazione, resa possibile con un solo cucchiaino di bicarbonato!
Grandi segreti Always me ha svelato a stefycunsy ed ecco il risultato della mia piccola creazione, sicuramente da rifare:

Ingredienti:
60gr di olio di riso (o girasole spremuto a freddo)
100gr di zucchero integrale grezzo di canna
100gr di latte di soia
170gr di farina di riso
70gr di farina di mandorle
1 pizzico di sale integrale
1 cucchiaino colmo di bicarbonato

Procedimento:
Mescolare tutti gli ingredienti con un frustino, partendo dai liquidi e proseguendo con i solidi.
Versare il composto ottenuto (leggermente liquido ma non temete) in una teglia imburrata (io uso sempre lo stampo piccolino da 20) e fate cuocere per circa 35/40 minuti (ma regolatevi voi)
Fate raffreddare su una grata e se volete, dopo il raffreddamento completo potete tagliarla e farcirla a piacere. Io l'ho anche glassata con del cioccolato bianco fuso con due noci di burro di cacao e pistacchi tritati. Lasciata asciugare e messa a riposare in frigorifero prima di servire.
Ecco la fetta:


di.vi.na!

grazie a Francesca: 

martedì 6 agosto 2013

Torta nuziale vegan arancia e cioccolato - "Always me" per stefycunsyinyourkitchen

Buon pomeriggio a tutti!
E' ora della merenda e per i golosi magari una fetta di torta arancia e cioccolato ci sta, anche se fa caldo e la considero più una torta invernale, ma ero impaziente di presentarvela..
Ricordate quando mesi fa ero disperatamente a caccia di una pasticceria vegan alla quale commissionare la mia torta nuziale? Beh dopo lunghe ricerche, ho scoperto che la fidanzata di mio cugino possiede un laboratorio di pasticceria vegana, specializzato anche per celiaci.
Mi sono fiondata a conoscerla, anche perchè dopo aver visto il suo sito e la sua pagina facebook, ero già certa di aver trovato ciò che cercavo! Così ho assaggiato le sue torte e conosciuto questa splendida ragazza, che mi ha poi in seguito fatto dono della sua ricetta.
La foto che avete visto è quella della torta che Francesca, di Always me ha fatto per il mio matrimonio (festa hippie del 15giugno di cui ancora non ho avuto tempo di parlarvi) mentre la foto che vedrete sotto, è quella della mia realizzazione, con la sua ricetta, del piano centrale, quello vegan, al cioccolato e arancia.
Per la versione del piano senza glutine: torta nuziale senza glutine Always me


Francesca mi ha insegnato una cosa stupenda che non sapevo... che per lievitare i dolci è sufficiente un cucchiaino di bicarbonato. Beh la mia vita è cambiata. Sempre a caccia del lievito per dolci buono, cremor tartaro sì cremor tartaro no... beh ecco, era già nella dispensa della nostra tris nonna e noi non lo sapevamo! Altra grande curiosità: l'uso della farina di mandorle, che non avevo considerato .. che se andate a comprare costa un botto, mentre è sufficiente tritare delle mandorle pelate et voilà, avrete una farina alternativa (ovviamente da mischiare al altro tipo di farina) per ottenere una torta nutriente e dalla "farina" sana non trattata. E poi ovviamente, come spesso vi scrivo, le uova davvero NON SERVONO per fare i dolci, per "legare"?! ma legare cosa?! ;) a volte non sappiamo che per cucinare, per fare un buon dolce, gli ingredienti sono quelli più semplici e naturali che avevamo in casa anche 100 anni fa... poi ovviamente noi ci aggiungiamo qualcos'altro perchè ci piace pasticciare ed ogni tanto, goderci una torta "goduriosa" .
Beh veniamo alla ricetta, gentilmente svelata da Francesca - Always me.

Ingredienti:                                                                                            
100gr di cioccolato fondente  
100gr di latte di soia                                  
60gr di burro di soia                                                                                                                     
125gr di panna di soia liquida
100gr di zucchero integrale grezzo di canna
100gr di farina di mandorle (mandorle tritate)
140gr di farina semintegrale non raffinata
1 pizzico di sale integrale
buccia di arancia non trattata tritata
1 cucchiaino abbondante di bicarbonato

marmellata di arancia per farcire (o marmellata a piacere)

Ingredienti per la glassa:
100gr di cioccolato fondente
100gr di zucchero integrale grezzo di canna
3 cucchiai di acqua
1 noce di burro di soia
3 cucchiai di marmellata di arancia

Procedimento:
Possiamo usare un unico contenitore per la preparazione, quindi prendiamo una pentola abbastanza grande, nella quale fonderemo il cioccolato con il burro di soia a fiamma lentissima. Lasciamo raffreddare almeno 10 minuti. Dopodichè uniamo il resto degli ingredienti, partendo da quelli liquidi finendo con quelli solidi, continuando a mescolare bene con una frusta.
A questo punto, possiamo imburrare con un pochino di burro di soia la teglia ed infarinarla appena appena (io ho usato un diametro piccolo, sui 24cm)

Consigli per la cottura
Ognuno conosce il proprio forno, il mio è un pò vecchiotto, preferisco fare cotture lente, quindi ho cotto a 160° per circa 50 minuti.
La ricetta di Francesca diceva 180° 40/50min.
Regolatevi voi tenendo la situazione sotto controllo, facendo la prova con uno stecchino di legno.
Io dopo la cottura l'ho fatta raffreddare in una grata per diverse ore.

Per la farcitura:
A completo raffreddamento (dopo 4 o 5 ore) l'ho tagliata a metà e farcita con marmellata di arancia. Purtroppo avevo terminato la mia, ma ho utilizzato quella che mi aveva regalato la mia cara amica Raffaella, che era semplicemente di.vi.na! Ho farcito e coperto con il disco della parte di sopra, compresso bene. Dopo ho glassato.

Per la glassa:
In un pentolino sciogliere 100gr di zucchero integrale grezzo di canna con 3 cucchiai di acqua, a fiamma molto lenta. Spegnere quando lo zucchero sarà sciolto ma non glassato. Unire 100gr di cioccolato fondente e una piccola noce di burro di soia e mescolare per bene tutto. Quando tutto sarà fuso, uniamo qualche cucchiaio di marmellata di arancia e giriamo bene. Mettiamo la torta sopra una grata, appoggiata su un piatto in modo che l'eccesso del cioccolato venga recuperato. Usiamo la glassa ottenuta per ricoprire la torta, partendo da sopra, spalmando bene anche sui lati. Decoriamo con della buccia di arancia e lasciamo riposare qualche ora. Quando sarà completamente asciugata, consiglio di mettere in frigo, è ancora più buona! E poi.... beh poi andate dritti in paradiso!

consigli utili: il mio consiglio è prepararla con calma un paio di giorni prima di servirla, in modo che raffreddi per bene dopo la cottura, poi anche dopo la farcitura e glassatura e poi anche dopo averla lasciata risposare in frigorifero. Devo dire che fredda da frigorifero, mi sembrava quasi una fiesta...

Per contattare Francesca di Always me, prenotazioni o quant'altro, ecco i suoi riferimenti:
sito: Always me
pagina facebook: "Always me" : dolcetti e ancora dolcetti

Ed ecco la mia fetta di torta:




venerdì 2 agosto 2013

Composta di prugne con stevia


Andiamo avanti con le conserve di frutta fresca, di stagione, naturale..
Oggi è la volta delle prugne, ancora una volta solo frutta e foglie di stevia fresca ed il risultato è sempre più soddisfacente. Faccio appassire la frutta lentamente sul fuoco, con un rametto di stevia in foglie; quando si spappola tutto, passo al minipimer, aggiungo un cucchiaino di agar agar in fiocchi (addensante naturale) e invaso. Per la sterilizzazione dei vasetti sempre il solito procedimento: li metto in forno 15/20 minuti senza il tappo. Invaso quando sono tiepidi e la marmellata bollente. Chiudo e capovolgo fino a raffreddamento. Etichetta e via in dispensa. La adoro!