giovedì 21 novembre 2013

Biscotti friabili alla cannella

Buongiorno!
Quale modo migliore per iniziare la giornata se non con dei biscottini fatti in casa per la colazione?
Di solito quando facciamo colazione con i biscotti comprati, uno tira l'altro e potremo finire quasi l'intero pacchetto senza mai saziarci. Invece questo non accadrà mangiando i biscotti che vi presenterò questa mattina. Forse perchè sono fatti con una farina semintegrale, contenente fibra e nutrienti, non aria.. come accadrebbe con biscotti realizzati con farina 00 (per approfondire vi consiglio di leggere un articolo che scrissi sulle farine, completato anche da preziosi commenti di alcuni lettori. Lo trovate qui:  farina : impariamo a conoscerla )
E allora veniamo alla ricetta, questa volta non vegan, poichè questa frolla è realizzata con le uova.
Io raramente mangio le uova e se lo faccio, si tratta di uova delle galline di mia suocera.
Ho realizzato fino ad ora solamente biscotti vegan, oggi variamo con questa nuova versione, sicuramente meno leggera di tutte le altre, ma merita di essere provata.
Sono rimasta infatti molto stupita dalla perfezione di questa frolla, delicata, friabile al punto giusto, perfetta.
Provatela e fatemi sapere!
Ecco la mia ricetta:

Ingredienti
140gr di burro di soia
140gr di zucchero integrale grezzo di canna
2 tuorli d'uovo
10gr di cannella in polvere
un pizzico di bicarbonato (la punta di un cucchiaino)
un pizzico di sale integrale
380gr di farina semintegrale

Procedimento:
In una terrina mettete il burro, le uova e lo zucchero ed amalgamate molto bene con l'aiuto di una forchetta, fino ad ottenere una crema liscia. A questo punto possiamo unire la cannella il sale e la farina, continuando a mescolare bene e per ultimo il pizzico di bicarbonato.
Lavoriamo ora l'impasto con le mani, fino ad ottenere una palla ben soda e soffice.
Facciamo riposare in frigorifero per circa un'ora.
Trascorso questo tempo, possiamo tirare la sfoglia con l'aiuto di un mattarello e procedere con la realizzazione dei nostri biscottini.
La frolla tenderà leggermente a rompersi, quindi consiglio di non tirare una grande sfoglia, ma procedere per pezzetti piccoli, anche da due biscottini per volta.
Non sarà necessario spolverare con farina in quanto la frolla non attacca sul tagliere.

Consigli: secondo un mio punto di vista personale, la sfoglia non va tirata troppo sottile, sia per un discorso di sapore e valorizzazione del biscotto, sia perchè controlleremo meglio la cottura.
Basterà un attimo infatti, per accorgersi che i nostri biscotti saranno "abbrustoliti"!
Quindi fateli leggermente alti e non allontanatevi mai dal forno.
Con il mio forno è stata sufficiente una cottura di circa 15 minuti, io li faccio cuocere in una piastra di pietra refrattaria, che non necessita di essere imburrata, ma solamente scaldata prima di appoggiarvi i biscotti.

Altra cosa importantissima: il biscotto sarà cotto quando si presenta ancora leggermente morbido, poichè raffreddando, si indurirà. Non commettete l'errore di tirarli fuori dal forno quando saranno già duri o mangerete pietra alla cannella! Consiglio valido un pò per tutte le preparazioni di biscotti e fette biscottate.

Credo di aver detto tutto.
A me sono piaciuti tantissimo!
Buona colazione e felice giornata a tutti!

9 commenti:

Anonimo ha detto...

Super delicous, e sono curioso di provarli, interessante e accattivante la storia che non sono dei biscotti ''uno tira l'altro'' compliments :-)

elicada ha detto...

Stefy,ma che stampini hai usato?
I biscotti con la scritta "cannella" sono de-li-zio-si!!!

**stefycunsy** ha detto...

Stampini consigliati da una mia lettrice, Alessandra!
Eccoli: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=585199078213896&set=a.542876802446124.1073741830.224287877638353&type=3&theater

elicada ha detto...

GRAZIEEEEE!

Grig ha detto...

Ciao Stefy! Sembrano buonissimi (io adoro la cannella e non manca mai nei miei dolci), capisco le uova, ma... il burro di soia? è un prodotto lavorato che contiene quasi sempre olio di palma (pessimo olio sia eticamente che dal punto di vista salutare). meglio usare l'olio di mais spremuto a freddo, che ne pensi? Vedo che la usi spesso nelle ricette, sarebbe molto più sana una frolla senza quel prodotto :)
Baci!

**stefycunsy** ha detto...

Ciao Grig!
sul burro di soia sono d'accordo con te.
A dire il vero l'ho usato in diverse ricette prima di accorgermi che contenesse olio di palma. SIGH!
E' un prodotto che sto tentando di eliminare anche se a dire il vero non è uno di quei prodotti regolarmente nella mia dispensa.
La maggioranza delle mie ricette contiene l'olio, ma ci sono alcune preparazioni in cui, usandolo in sostituzione al burro, varierebbero completamente la riuscita della ricetta.
Sto tentando di cercare una valida alternativa e per il momento non l'ho trovata.
Vi terrò aggiornati.
Ecco perchè ho scritto nella ricetta che la ricetta non è "salutare".. non certo per le uova. ;)
Ciao carissima!

Stefano Balestreri ha detto...

proverò sicuramente questa ricetta, mi sembra molto interessante...come sempre.
Complimenti e continua così.
Brava.
Stefano

Nicoletta Chiornio ha detto...

Carissima Stefy, sono anch'io contraria all'utilizzo dell'olio di palma. A questo pumto trovo che sarebbe meglio forse usare un pezzetto di burro di montagna, o di buona qualità, non proveniente da allevamenti intensivi, insieme a dell'olio. Altrimenti si potrebbe supplire con mandorle ammollate e poi tritate, o altri burri di semi, ma io non ho mai provato. Baci

**stefycunsy** ha detto...

Ciao nicoletta grazie.
In realtà avevo già pubblicato una ricetta con una frolla con la thaine (burro di semi di sesamo)
Devo fare un esperimento ora che mi ci fai pensare. Grazie. Anche l'idea delle mandorle non è male.
Potrei tentare direttamente con la crema di mandorle.
Sperimentero volentieri!