venerdì 15 febbraio 2013

Torta di pere VEGAN con copertura alla crema di nocciole e pasta di cacao - Torta Ciampy


Buon pomeriggio a tutti! Ieri volevo fare un dolce ma non avevo le idee molto chiare, nè di cosa volessi ottenere nè di ciò che offriva la dispensa, visto che sto lavorando spesso fuori casa e non so cosa ha comprato e mangiato il piccione in mia assenza. Alla fine ho pensato di fare una torta vegan con ciò che c'era: pere, prugne ed albicocche secche. Ho fatto una ciambella, ma era adatta per la colazione, più che una dolcezza da dopo cena (e ieri sera il piccione era parecchio esigente)
Così ho ricoperto la torta ottenuta con una bella copertura fatta sul momento, con pasta di cacao, miele o malto e crema di nocciole. Ed una pera cotta nel mezzo. L'idea della pera al centro è dedicata alla mia amica Francy Ciampy, che quando vedrà questa foto scoppierà a ridere, lei sa perchè, se vuole, ve lo racconterà lei. Ma veniamo alla ricetta.

Ingredienti:
300gr di latte vegetale, ovvero 2 bicchieri (io ho adoperato soia)
3 cucchiai di olio di riso (o girasole spremuto a freddo)
50gr di zucchero integrale grezzo di canna
una pera
100gr di prugne secche
50gr di albicocche secche
un pizzico di cannella
200gr di farina semintegrale
100gr di farina di riso
una bustina di lievito per dolci senza aggiunta di fosfati o in alternativa della pasta madre, circa 150gr

Per la copertura:
50gr di pasta di cacao (acquistata al punto macrobiotico di Pianesi)
2cucchiai di miele o malto
80gr di pasta di nocciole

Nota bene: se non trovi la pasta di cacao, puoi usare del cioccolato fondente con la stessa proporzione, ma non userai il miele.


Procedimento:
In una ciotola versate prima gli ingredienti liquidi, che amalgamerete con una frusta, poi la farina, gradualmente, come facciamo sempre. Uniamo il lievito ed a questo punto uniamo la frutta tagliata a pezzettini, mescoliamo bene con una spatola e versiamo il tutto in una tortiera.

Se abbiamo usato la pasta madre, dovremo far raddoppiare l'impasto, altrimenti non sarà necessario.
Infornaimo a 170° per circa 20 minuti, ma regolatevi voi. Quando sarà cotta, la trasferite a raffreddare in un piatto e nel frattempo cuocete a vapore una pera. Io l'ho messa in pentola a pressione, intera, con il cestello e l'ho fatta cuocere per circa 12 minuti dopo il sibilo. La mia pera era parecchio cicciotta. Con 12 minuti era perfetta, cotta al punto giusto, diciamo quasi al "dente".
L'ho messa nel mezzo come vedete dalla foto e l'ho ricoperta con la mia "glassa" preparata così:

Copertura alla crema di nocciole e pasta di cacao:
In un pentolino mettiamo la pasta di cacao ed il miele e lasciamo fondere a fiamma molto molto lenta, mescolando di continuo e facendo attenzione che non attacchi. Io uso anche la piastra spargifiamma in ghisa. Quando si è sciolto tutto, uniamo la pasta di nocciole e mescoliamo bene. Le proporzioni indicate sono quelle che a me personalmente hanno soddisfatto, ma assaggiate e aggiustate secondo il vostro gusto.

La pasta di cacao che ho utilizzato è pura al 100% non è dolcificata, risulta molto amarognola, per questo ho dovuto unire un pò di malto. Ricoprite la pera e la torta con la glassa ottenuta e servite la torta con una fettina di pera inclusa. A noi è piaciuta, sia da calda ieri sera, che a colazione stamattina, il piccione ne ha mangiate 3 fette! Scusate se la foto non è meravigliosa, ma la torta lo è!
Provate e fatemi sapere!

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Innanzi tutto GRAZIE a Stefy Cunsy per avermi dedicato una torta, sono emozionata e lusingata!
Questa è la storia:....
un giorno di tanti tanti ma taaanti anni fa, io e la Stefy eravamo a casa sua, e non sapendo come ammazzare il tempo, piùttosto che fare i compiti, ci inventavamo di tutto. Quindi, visto che la cucina era già nel suo DNA (non nel mio però!!!), abbiamo deciso di fare una torta!
Maaaa....come si fa una torta???? bhoooo, gira, impasta, rotola e alla fine metti in forno. Aspetta aspetta e che ti viene fuori???? Una torta con un buco al centro!!! Ma perchèèèèèèè, cosa abbiamo sbagliato????? bhooooooooo, ma visto che noi non ci siamo mai perse d'animo, al centro di questa torta dove troneggiava questa voragine, questa depressione orrenda, ci abbiamo piazzato una bella ARANCIA!!!!!
In ricordo dei bei tempi domani stesso proverò a cucinare quasta torta! Incrociamo le dita.
<3 <3 <3

**stefycunsy** ha detto...

è PASSATO TALMENTE TANTO TEMPO CHE LA VECCHIAIA TI HA FATTO DIMENTICARE.... la torta era cruda nel mezzo.. e fu mia nonna ad eliminare la parte centrale e "aggiustarla" con l'arancia.... auahuahau oddio ancora sto a ride, non se poteva guardà!

ciao Ciampy!

Aless ha detto...

Buonissima questa torta e simpatica la storia, siete state davvero ingneniose a metterci l'arancia in mezzo, brave!!

Anonimo ha detto...

e vabbè dai mo cruda o cotta, sempre un buco c'era!!!!!
zitta che mi sto sbellicando, l'ho raccontato ai miei e ancora ridono!!!
Ciao Stefyyyyyyyyyy

elicada ha detto...

Questa colata di cioccolato bella lucida è una tentazione pazzesca