martedì 15 gennaio 2013

Gnocchi di grano saraceno


Buonasera a tutti! Questa sera una nuova idea per stupire i vostri ospiti, una di quelle insolite, originali, buone ed economiche. Un solo ingrediente ed oltretutto senza glutine, quindi anche per i celiaci. Vi sto parlando del grano saraceno. Spesso sconosciuto, ma se vi dicessi "pizzoccheri" ?! Ah........ Allora lo conoscono tutti ma proprio tutti, perchè la bontà dei pizzoccheri della Valtellina è indiscussa. Io oggi vi insegnerò a fare gli gnocchi senza patate. Beh, non è una novità, ve lo avevo insegnato già nei mesi scorsi, avevamo già preparato insieme gli gnocchi fatti con il cous cous e quelli con il miglio. Ma in entrambe le versioni, ci eravamo dovuti far aiutare da un pò di farina, anche se pochi cucchiai davvero, appena per ottenere un impasto lavorabile. Non nel caso del grano saraceno. E' stato sufficiente cuocerlo, passarlo al passaverdure e sono riuscita a legare bene il composto, ottenendo una palla che neppure si attaccava alle mani, senza dover aggiung-ere nient'altro. Pazzesco, sono rimasta colpita dalla semplicità di questa lavorazione, dalla bontà del risultato. Oggi vi spiegherò semplicemente come prepararli, per quanto riguarda il condimento vi lascio un pò sulle spine, ve lo racconterò nei prossimi giorni, anche se potete già farli e condirli come più vi piace!

Ingredienti per 2 persone:
250gr di grano saraceno
500gr di acqua

Procedimento:
In una pentola a pressione mettere il grano saraceno e l'acqua, chiuderla e portare in pressione a fiamma alta. Quando la pentola inizia a borbottare, abbassate la fiamma al minimo e fate cuocere per 15 minuti. Trascorso questo tempo spegnete la pentola, la allontanate dal fornello caldo e lasciate che la pentola perda la pressione da sola, senza farla sfiatare. Dopo circa 15/20 minuti, potete aprirla (accertandovi che la valvola sia scesa) e passate il grano saraceno al passaverdure. Anche se non dovesse passare tutto, non ha importanza, potete unire e lavorare il composto con le mani dandogli una forma a palla, come vedete in foto. Non sarà necessario aggiungere nessun altro ingrediente. A questo punto, fate dei bigoli lunghi e li tagliate piccoli a bocconcini fino a ricavare degli gnocchetti, che potrete poi cuocere in acqua salata e condire a piacere. Interessante che potete anche mettere gli gnocchetti uno sopra l'altro, in quanto non attaccheranno. Provateli e fatemi sapere!

n.b. la cottura in acqua bollente non è necessaria dal momento che avete già cotto il grano saraceno in pentola a pressione prima di fare gli gnocchetti. Ma se desiderate fare questa seconda, veloce cottura, vi consiglio di far riposare gli gnocchi in frigorifero per diverse ore affinchè si rapprendano e solo successivamente cuocerli in acqua. Se decidete di non procedere con la seconda cottura, invece, potete semplicemente saltarli in padella con il condimento preparato. Ecco come li ho fatti io:

Gnocchi di grano saraceno al nitukè di topinambur

17 commenti:

Velia ha detto...

Che bella idea,Stefy!!In effetti il grano saraceno ha una consistenza particolare..ma la doppia cottura proprio non l'avevo pensata!Per condimento io opterei per un buon nitukè di verza legato con qualcosa tipo la tua besciamella o,meglio,una crema di riso delicata..che ne pensi?Grazie dello spunto,come al solito molto invogliante!1

Anonimo ha detto...

Li farò sicuramente con la tua versione. Nella ricetta del Prof. Berrino presso la cascina rosa la cottura in acqua salata viene fatta con un po' di tamari che gli conferisce un sapore molto particolare che ti consiglio.

Ciao
Stefano M.

Veeup ha detto...

Molto particolari questi gnocchi, ottima idea, aspettiamo di conoscere il sugo che hai abbinato.

Anonimo ha detto...

Ciao Stefania,
mi sto avvicinando sempre piu' ad una alimentazione piu' sana ma non e' cosi' facile. Eliminando la carne poco a poco. Ma ho paura di sbagliare nella dieta e nelle combinazione degli alimenti.specie per il mio bambino. Vivo negli Stati Uniti, qui sono riuscita a trovare la farina di grano saraceno non il cereale.
Posso preparare gli gnocchi con la farina o serve il cereale?
Grazie.
Donatella

elicada ha detto...

una per una sto provando tutte le tue ricette e seguendo i tuoi consigli (sabato ho comprato la spazzola per le verdure), finora con successo e quindi ti ringrazio!
questa è davvero moooooolto interessante...aspetto il sughino
;o)

**stefycunsy** ha detto...

Ciao Velia, sì le tue idee sono indicativamente simili alle mie, oggi pubblicherò la ricetta degli gnocchi con il condimento che ho abbinato, sentiamo poi anche l'opinione di Veeup!

Ciao Stefano! Grazie per l'idea, proverò! A questo punto non salerei l'acqua di bollitura della seconda cottura.

Ciao Donatella, benvenuta!Ti consiglio di non improvvisare esperimenti nella dieta del tuo bambino, ma farti guidare da un nutrizionista, se desideri inserire un'alimentazione vegetale. Quanti anni ha? Da piccolini le proteine sono importanti, qui nel blog ho caricato 2 video in cui si parla dello svezzamento e dell'alimentazione veg per i bambini, dai un'occhiata! Per quanto riguarda la farina di grano saraceno, ho paura che sìa difficile da lavorare da sola, per questo ho proposto gli gnocchi direttamente con il chicco, oltre al fatto che si ottiene, così facendo, un prodotto poco lavorato, meno raffinato e quindi più naturale. Ho pubblicato altre ricette con gli gnocchi, usando il cous cous ed il miglio, guarda quelle magari!
Elicada, se riesci mandami le foto delle tue ricette che sono curiosa!

elicada ha detto...

per le foto la vedo dura...ma ci proverò

Anonimo ha detto...

Ciao Stefania,
ho letto la ricetta degli gnocchi di grano saraceno e vorrei prepararli domani....non ho molta dimestichezza con la pentola a pressione, della quale, per dirla tutta, ho un po' paura.....Mi puoi dire se, e come si possono preparare senza utilizzarla? Ti ringrazio tantissimo e a presto Donatella

**stefycunsy** ha detto...

puoi seguire lo stesso identico procedimento, con gli stessi tempi di cottura; devi adoperare una pentola con un coperchio che impedisca di far passare l'aria, ben chiuso. Fammi sapere com'è andata!

Anonimo ha detto...

Ciao Stefy, ho provato questi splendidi gnocchi. Hai ragione non si attaccavano affatto e non c'era bisogno di farina, solo che, una volta messi nell'acqua bollente..li ho perduti nell'acqua. Insomma si sono disfatti in gran parte. Allora sai che ho fatto con l'altra metà rimasta? Li ho messi in una padella antiaderente con un filo d'olio e ho fatto rosolare per un po'. Splendidi! sono venute delle micro polpettine brune molto croccanti fuori e morbide all'interno. le ho servite in parte con qualche cucchiaio della tua besciamella (altra splendida rivelazione per me!) e in parte bagnate con della semplice salsa di soia.
...e con la salsa di topinambour? (ottima!!!) ho allungato con un po' di più di besciamella e c'ho condito la pasta.
Grazie Stefy e complimenti per il tuo blog.
Ciao.
Anna Maria.

**stefycunsy** ha detto...

Ciao AnnaMaria mi fa molto piacere leggere i tuoi esperimenti ;)

Dunque, io ho avuto quello stesso problema quando ho fatto gli gnocchi di miglio, non per nulla infatti, ho presentato la ricetta esattamente rosolando gli gnocchetti con il rosmarino, praticamente come hai fatto tu! Vai a dare un'occhiata alla ricetta!

Per quanto riguarda gli gnocchi di grano saraceno non ho avuto questo problema, ma ora che ci penso li avevo tenuti in frigorifero per un giorno ed evidentemente si erano rappresi bene, infatti erano molto solidi e si sono cotti perfettamente nell'acqua (anche se in realtà questa seconda cottura non è necessaria visto che gli gnocchi sono già cotti)
Correggerò la ricetta ;)
La prossima volta mandami delle foto! ;)

Cristina ha detto...

E' stato proprio bello scoprire il tuo blog, mi è bastata un'occhiata per capire che troverò cose molto molto interessanti. Vado a curiosare per bene, intanto grazie per questa ricetta, la proverò al più presto.
Buona giornata.

Elisa G ha detto...

Li ho preparati il sapore non sò ancora com'è perchè lifarò per cena... ma mi è successo un problema, pentola a pressione, ho il fornello ad induzione, nemmeno 5 min che erano dentro un odore di bruciato... ma la pentola non riesce ad andare in pressione con la poca acqua c'è dentro! Intendi per caso che dev'essere chiusa bene ma non per forza in pressione? Stà di fatto che ho ultimato la cottura ho abbassato proprio al minimo il fornello e ora devo dargli la forma

**stefycunsy** ha detto...

Ciao Elisa, il procedimento è di portare la pentola in pressione, comunque se la tua pentola fatica visto le quantità, puoi tranquillamente fare anche senza pentola a pressione.
Io la uso perchè mi trovo bene, ma per cereali che cuociono in tempi piuttosto ridotti, come il miglio ed il grano saraceno, si può fare anche in pentola normale.
Quindi metti il cereale e l'acqua in pentola, chiudi con coperchio e segui le stesse identiche istruzioni, ma con pentola normale.
Fammi poi sapere come sono venuti e se ne hai mandami delle foto!

Elisa G ha detto...

Fatti e usciti buoni l'unica cosa è che forse ci dovevo mettere un pò di sale,poco ma per il mio gusto ci andava....Le foto te le invio un bacio

Ilaria ha detto...

Ciao Stefy,
questi gnocchi mi incuriosiscono molto.. mi hanno giusto regalato una confezione di farina di grano saraceno. Posso usare questa invece del grano in chicchi? Che ne pensi?

Ilaria

**stefycunsy** ha detto...

Ciao Ilaria, non ho mai fatto gli gnocchi direttamente con la farina, quindi non sono in grado di darti informazioni in marito.
Se non hai problemi di celiachia ti consiglierei di farli aggiungendo all'impasto un pò di semola di grano duro, perchè la sola farina di grano saraceno potrebbe non reggere alla lavorazione e magari gli gnocchi rischierebbero di rompersi..fammi sapere!