lunedì 8 ottobre 2012

Ceci neri: Malloreddus al cecio nero


Ieri sera vi ho presentato in breve l'articolo sui ceci neri, qualche foto del cecio prima dell'ammollo ed i consigli per la cottura, che trovate qui: Cecio nero - consigli per la cottura

Oggi ero proprio ansiosa di presentarvi una prima ricetta con questo meraviglioso legume, poco presente nelle nostre tavole, un pò perchè poco conosciuto, poco presente nei nostri supermercati (si trova al punto macrobiotico di Mario Pianesi e nell'azienda agricola macrobiotica Terraculta ) un pò perchè necessita di una lunga cottura.

Ma sono tutte barriere che ho deciso di scavalcare perchè non mangiando carne e pochissimo pesce, mi sento di voler variare la scelta dei legumi, che, vi ricordo, legumi non è solo fagioli e lenticchie... ma veniamo alla ricetta!

Dunque, dopo aver letto le modalità di cottura consigliate nel link indicato sopra, il più è fatto!
Prendiamo una pentola con un buon coperchio ermetico e facciamo una sorta di nitukè con le verdure che più preferiamo, io ho adoperato quelle che il mio orto mi ha donato, dunque cipolla, carota, broccoli e visto che mi piace, un pò di peperoncino. Ma voi potete mettere quello che più vi piace e che avete a disposizione.

Ingredienti:
cipolla bianca
carota
broccoli
peperoncino
olio extravergine di oliva spremuto a freddo
sale integrale

Procedimento:
Prepariamo un nitukè, quindi in una pentola bassa e larga, con coperchio ermetico, mettiamo nel seguente ordine: un paio di giri di olio, la cipolla tagliata sottile sottile, il sale, la carotina, i broccoli con le loro foglie, ancora poco sale. Copriamo e lasciamo cuocere a fiamma molto lenta. Se lo riteniamo opportuno, possiamo unire durante la cottura, gradualmente, del liquido di cottura dei ceci.

I broccoli possono rimanere leggermente al dente, croccantelli... sono ottimi quando non sono stracotti. Quando la cottura è praticamente perfetta, possiamo scolare i ceci dentro il nostro nitukè, avendo cura di conservarne il prezioso e squisito liquido, che utilizzeremo per la cottura della pasta.

Io ho utilizzato i malloreddus sardi che mio fratello mi ha portato dalla Sardegna.
Quando la pasta è al dente, la versiamo nel nitukè e la lasciamo insaporire unendo gradualmente un pochino del liquido di cottura della pasta fino a completo assorbimento, "mantecando".

Ho servito i miei malloreddus al cecio nero dentro le mie ciotole prferite, in legno d'ulivo, assaporato questo piatto con le posate di legno e..... nel bicchiere anch'esso di legno di ulivo ho versato il rimanenete liquido di cottura, che si è addensato, era davvero piacevole.

Che dire di questa ricetta.... mi ha entusiasmato molto, la considero una perfetta portata da servire a degli ospiti, una ricetta delicata, semplice, genuina, come piace a me...  ecco altri particolari:


7 commenti:

Annalisa ha detto...

Non conoscevo questo tipo di legume, sembra proprio buono, anche abbinato alla pasta che hai preparato, se lo trovo lo proverò.......

Cinzia ha detto...

Mi piace molto il tuo blog e le ricette che proponi...ma dove hai trovato il tuo splendido servizio in legno di ulivo?

**stefycunsy** ha detto...

Ciao Cinzia, benvenuta nella mia cucina!
Adoro ogni cosa che sia fatta di legno, ogni tanto capito in qualche fiera e compro un pezzo... i bicchieri ad esempio, li avevo trovati casualmente passeggiando per Assisi. C'era un negozio splendido, tutto in legno di Ulivo, lo avrei acquistato tutto, c'era ogni cosa... ;)

Grazia ha detto...

Ho recentemente acquistato i ceci neri, penso proprio di utilizzare la tua ricetta per sperimentarli.
Complimenti per il tuo blog che seguo da tempo con molto interesse!

**stefycunsy** ha detto...

Ciao Grazia, ti ringrazio molto, ti do il benvenuto solo ora anche se mi segui da un pò...

Benvenuta nella mia cucina!
Se ti va mandami una foto con la ricetta eseguita ;)

I ceci neri sono stati una grande scoperta, nei prossimi giorni metterò altre ricette per utilizzarli ;)

Cinzia ha detto...

Appena posso vado ad Assisi e se trovo il negozietto faccio il pieno! Grazie per la dritta! Continuerò a seguirti con piacere.

**stefycunsy** ha detto...

Tornerei ad Assisi anche solo per quel negozietto.... ;)