sabato 30 giugno 2012

Pane senza lievito - fermentato con cereali in chicco


Che i cuochi sono pasticcioni è un dato di fatto... a volte vogliamo fare talmente tante cose che poi qualcosa sfugge dal nostro controllo. L'altro giorno avevo cotto il riso integrale per il solito pranzo e ho dimenticato di riporre in frigorifero quello avanzato, da consumare la sera. Con questo caldo (da me ci sono 30°) inutile dire che non aveva un buon odore e così mi sono ricordata che poteva recuperarsi in altro modo. Il riso era cotto abbondantemente in pentola a pressione ed il caldo lo stava facendo FERMENTARE, in quanto lo avevo "abbandonato" dentro alla pentola a pressione, chiusa ermeticamente. Così non mi è rimasto altro da fare che unire della farina e del sale integrale e tentare di impastare una pagnotta. Ho fatto tutto ad occhio, non sono in grado di indicarvi le dosi esatte.
Comunque è sufficiente unire al cereale fermentato (deve sentirsi quell'odore acidulo per essere pronto alla panificazione) sale integrale e la farina sufficiente affinchè non si appiccichi più il composto alle mani. Lo si lavora leggermente, gli si da la forma desiderata e si lascia riposare alcune ore. Io l'ho lasciato lì tutta  notte e l'ho infornato verso metà mattinata.
Ne è risultato un pane croccante e gustosissimo!
Come regolarsi per la cottura: quando la crosta sarà croccante all'esterno e la pagnotta ben solida il pane è cotto. Internamente ricordiamoci che non è formato da farina, ma da chicchi di cereali già cotti, dunque resterà apparentemente umido, ma è normale che sia così.

Questo meraviglioso pane con il trascorrere dei giorni è divenuto ancora più buono, più gustoso, asciutto, compatto e morbido!
Finalmente un pane davvero nutriente, sano, senza alcun tipo di lievito, neppure quello di pasta madre, con pochissima farina. Se usate quella di riso potrete sfornare tranquillamente una pagnotta senza glutine, per celiaci. Provatelo, io sono rimasta davvero molto entusiasta, per la semplicità degli ingredienti, del procedimento, del sapore, perchè ancora una volta scopro che con poco, si può fare molto..

Se trovi che questa ricetta sia interessante e desideri condividerla, per trasmettere una cucina sana e naturale, fatta con ingredienti semplici e per far crescere il blog di stefycunsy, puoi farlo cliccando sui tasti qui sotto: facebook, twitter, google+ - grazie.

Per lasciare un tuo commento, clicca qui sotto su "commenti"
Ricordo a tutti i lettori che nella mia pagina fan facebook è presente un album "i lettori provano e personalizzano le mie ricette" in cui raccolgo le foto delle mie ricette realizzate da VOI, dunque se provate le mie ricette inviatemila vostra foto, con eventuale modifica alla ricetta originale al mio indirizzo mail stefycunsy@live.it

18 commenti:

Simona Mastantuono ha detto...

idea spettacolare..

lucia ha detto...

caspita,da provare subito,brava come sempre Stefy,grazie<3

paola ha detto...

si puo fare anche con altri cereali tipo soia?grazie

Mary ha detto...

Wow, lo voglio provare!! Tanto oggi a Roma saranno 40 gradi quindi farlo fermentare è un attimo!! :-D

**stefycunsy** ha detto...

Sì, credo che si possa fare con qualunque cereale, a dire il vero nella pagnotta della foto c'era anche del miglio. (avevo cotto riso e miglio)
Io domani lo farò con l'orzo che sta fermentando (questa volta ne ho tenuto un pò da parte appositamente)

Comunque se vogliamo essere pignoli la soia non è un cereale ma un legume, ad ogni modo, se fermenta, perchè no! Prova e fammi sapere!

Ricordo a tutti di inviarmi le foto delle proprie realizzazioni!

Scheggia ha detto...

Che forza!!

annalisa ha detto...

un'idea azzardata ma illuminante a quanto sembra :-) brava Stefania e grazie di averla condivisa con noi :-) da provare :-)

**stefycunsy** ha detto...

azzarda anche tu, Annalisa, resterai piacevolmente stupita!
L'ho mangiato anche oggi a pranzo, è rimasto morbido, con l'accortezza di averlo conservato in un panno di cotone.

**stefycunsy** ha detto...

questo meraviglioso pane ha compiuto ormai tre giorni ed oggi era ancora più buono! Era ancora più gustoso, asciutto, compatto e morbido! Inoltre ho provato a far fermentare l'orzo per farne una pagnottina, ma l'ho lasciato scoperto, dunque invece di fermentare sta seccando, il consiglio quindi è di lasciar fermentare il cereale in questione dentro la pentola chiusa ermeticamente. Aggiungo questo commento direttamente sul post originale.

Giusy ha detto...

Ma vuoi dire che devo fare andare a male il riso??? No troppo forte sta cosa!!! cioè io faccio cuocere riso e lo lascio lì un pò di ore poi quando è andato a male lo uso tipo lievito???

**stefycunsy** ha detto...

Esatto!
Beh, la cosa GENIALE è che questo pane è sicuramente un pane con poca farina, tanto cereale in chicco, insomma, una ricetta sana, naturale, nutriente, dietetica... niente grassi.. :)

Anonimo ha detto...

Ciao Stefy,fortissima questa idea ma per essere più sicura quanto tempo deve stare nella pentola??
Tipo lo cuocio la mattina per poi farlo la sera oppure anche il giorno dopo??Lo so che dipende dal caldo ma non vorrei che andasse troppo in la..
Cristina..

**stefycunsy** ha detto...

Sì, dipende dal caldo, dunque io se non ricordo male lo avevo cotto il pomeriggio, con una parte ci avevo fatto cena e la restante l'avevo lasciata dentro la pentola chiusa ermeticamente. Il giorno seguente, a pranzo aveva un odore di fermentazione e l'ho impastato la sera e fatto riposare tutta la notte per cuocerlo al mattino. Quindi sì, un giorno prima, però considera che in casa mia ci sono 30°
Comunque "più puzza" e più è fermentato, dunque la panificazione sarà perfetta.

Maddalena Sodo ha detto...

oh ma che bello!!!! non posso usare il grano e vado sempre alla ricerca di ricette del pane..lo proverò senz'altro e ti farò sapere. metterò anche io riso integrale e miglio..poi semmai impasterò tutto con farina di riso e avena. brava e grazie per queste bellissime idee..Ho visto anche le tue marmellate, eccezionali!!!

**stefycunsy** ha detto...

oh mi fa tanto piacere esserti utile... segui bene le istruzioni e fammi sapere, magari con una foto! :)

Maddalena Sodo ha detto...

Ciao Stefy, ho il riso in attesa che si senta l'odore acido da sabato pomeriggio, oggi è lunedì mattina....ma ha ancora un buon odore dolce. L'ho tenuto chiuso imbustato in modo da non farlo stare a contatto con l'aria, non ho la pentola a pressione. Ora non so se posso comuqnue provare a cuocerlo o se devo aspettare. non avendolo mai fatto, non ho idea di che odore dovrebbe avere. Ho usato riso integrale e miglio. Grazie e a presto

**stefycunsy** ha detto...

Ciao Maddalena!
Dunque, come ho scritto nella ricetta il mio iniziò a fermentare poichè era estate e la temperatura era oltre ai 30°. Lo avevo lasciato chiuso ermeticamente dentro la pentola. Non so da te che temperatura c'è adesso, magari se è autunno come dalle mie parti, non otterrai quello stesso risultato proprio per via della temperatura..
Non ho capito come e dove lo stai facendo riposare però.
Se non senti quella "puzza come se stesse andando a male" ti consiglio di usarlo per fare questa ricetta e ritentare in tempi più caldi: gli arancini: http://www.stefycunsyinyourkitchen.com/2010/09/arancini-di-miglio-fritti-in-pastella.html

Maddalena Sodo ha detto...

grazie mille per avermi risposto. Lo sto facendo riposare nel mobiletto sotto la cucina (io ho la cucina elettrica con le piatre di vetro, sotto non ho il forno ma un normabile mobiletto che, però, in genere è più caldo degli sltri proprio per la presenza del piano di cottura sopra). Si credo che il problema fosse la temperatura, ma stamattina l'ho posizionato qui in questo mobiletto e già senot che il suo odore è cambiato. Io vivo in Kuwait, fuori è molto caldo ma negli interni c'è sempre aria condizionata, e la temperatura è intorno ai 23-24 gradi. comunque proverò..ti farò sapere