giovedì 30 giugno 2011

Tartine Thaine - tartine per antipasto con germogli freschi


Quando ho trovato questa ricetta, ero convinta di sperimentare una nuova dolce frolla macrobiotica, poi, assaggiandone il risultato, ho cambiato idea.
Il risultato ottenuto da questi biscotti, non mi dispiaceva, ma neppure mi entusiasmava, così ho tentato di "aggiustarli" unendo agli ingredienti della granella di nocciole e scaglie di fondente.
Il risultato ottenuto è stato soddisfacente, ma non contenta, ho provato una strada diversa.
Ho aperto il frigo ed ho provato a farcirli con una crema di olive nere, quindi salata e finalmente ho trovato la mia nuova, entusiasmante ricetta!
Un biscotto dolce, da farcire con creme spalmabili salate!
Fantastico!

Ma andiamo con ordine.
Ecco la ricetta della frolla thaine.

Ingredienti:

3 cucchiai di malto di riso (in alternativa miele)
un uovo intero
100 gr di thaine (crema di sesamo)
100 gr di mandorle tritate
100 gr di crusca d'avena
100 gr farina T1

Procedimento:

Come regola principale, versiamo in una terrina di vetro (odio la plastica!!!) gli ingredienti più liquidi o nel nostro caso, i più densi. Quindi misceliamo malto, uovo e thaine fino ad ottenere una cremina stuzzicante (che a mio avviso, con aggiunta di un pizzico di limone o zenzero è fantastica, altro che mou.....)
A questo punto.. uniamo gradualmente gli altri ingredienti e se lo reputiamo oppurtuno, uniamo un goccino di latte vegetale (io prediligo quello di avena) L'impasto che dovremo ottenere deve essere solido e dovremmo essere in grado di stenderlo facilmente su una spianatoia con il mattarello.

A questo punto, lasciate riposare il composto ottenuto in frigorifero per circa un'oretta, affinchè si rapprenda per bene. Trascorso questo tempo, possiamo stendere l'impasto e ricavarne dei biscottini.

Io uso una pietra refrattaria per la cottura in forno, la scaldo benissimo e subito dopo adagio i biscottini sulla pietra, oppure vi consiglio di sistemarli in una teglia unta con pochissimo olio di girasole (ovviamente di buona qualità) senza adoperare la carta forno, che trattiene l'umidità ed è oltretutto tossica..

Dopo la cottura, lasciateli raffreddare in una grata e poi potete conservarli comodamente dentro un bel recipiente di vetro a chiusura ermetica.
I vostri biscottini si conserveranno perfettamente.

Come scrivevo prima, potete unire all'impasto del cioccolato in scaglie e/o della granella di nocciole.
Oppure, vi consiglio di provarli con delle creme spalmabili salate.
Qui nella foto li vedete con crema di olive, crema di piselli, vellutata di cannellini e hummus (crema di ceci)
Li ho guarniti, con un'idea geniale della mia blogger-friend Chiara, con dei meravigliosi germogli misti.

Effetto scenico assicurato!

martedì 28 giugno 2011

Rifiuti : compriamo troppe cose....


 Ciao a tutti..
Mi sono imbattuta in questo interessantissimo video. Vorrei che con calma, vi prendeste il tempo di guardarlo, ascoltandolo attentamente. Forse all'inizio sarà un pò difficile seguirlo, ma continuate ad ascoltare... e soprattutto, diffondetelo ingiro.. Mi piacerebbe anche leggere qui i vostri commenti sul caso..



Vellutata di piselli freschi

Ho più volte sottolineato l'importanza di mangiare solo cibi freschi e di stagione, che è la cosa più naturale che possiamo fare!
Per questa ragione, questo mese vi propongo una seconda ricetta il cui ingrediente principale sono i piselli freschi, appena sgranati!
Ho preparato un nitukè facendo appassire molto lentamente una cipolla bianca tagliata finemente con poco olio di girasole e sale integrale.

Il tutto utilizzando una pentola con coperchio ben ermetico. Ho unito i piselli freschi e lasciato cuocere molto lentamente. A cottura ultimata, ho messo da parte alcuni pisellini da usare come guarnizione e ho frullato il resto. Ho unito un piccolo cucchiaino di salsa di soia (tamari) e a piacere, uno o due cucchiai di besciamella macrobiotica!
Questa crema può essere usata come antipasto, servita con dei crostini di pane, può essere il condimento di una pasta o il contorno di un secondo piatto o addirittura il ripieno di ravioli o vol au vent.
Insomma, fatene quel che volete... è deliziosa e finalmente anche i bambini mangeranno i piselli! Vi piace?



venerdì 24 giugno 2011

Tartufini teatrali al cioccolato


A teatro si sa.... si improvvisa.
Fino all'ultimo, si è sempre in tempo per cambiare il copione e quando si va in scena.. il successo è assicurato!

L'altra sera, avevo pensato di portare una torta da mangiare al termine del corso teatrale, ma all'ultimo, mi sono accorta di aver finito lo zucchero integrale di canna.
Ho dovuto improvvisare.
Cambiare copione
Andare in scena e sperare in un successo.

Ok, niente plum cake banana e noci, questa sera... tartufini al cioccolato!

Ingredienti:
200 gr di cioccolato fondente
70 gr di thaine (crema di sesamo)
2 tuorli a temperatura ambiente

Per la decorazione, a piacere: farina di cocco, granella di nocciole, cacao amaro in polvere, mandorle tritate.

Procedimento:
Fondere il cioccolato a fiamma bassissima, trasferire in una terrina di vetro ed unire il resto degli ingredienti.
Amalgamare velocemente il tutto (il composto si rapprenderà in un batter d'occhio) e lasciar riposare in frigorifero per circa mezz'oretta.
Trascorso il tempo, ricavare delle palline e a piacere, tuffarne alcune nella farina di cocco, altre nella granella di nocciola e in quella di mandorle. Riporli dentro dei piccoli pirottini di carta e lasciar riposare in frigorifero fino al momento di servire.

Ho portato i tartufini teatrali (li ho battezzati così) in scena, ed il pubblico... ha apprezzato!

venerdì 17 giugno 2011

Plum cake banane e noci




Nell'era delle merendine, confezionate in pratiche bustine di plastica e piene di conservanti, coloranti e zucchero raffinato........ sono qui a ricordarvi che preparare un sano dolcetto per la colazione dei vostri bambini è più semplice e veloce di quanto non possiate immaginare...

Oggi vi propongo un delicato e sfizioso dolcetto : plumcake alle banane e noci!
Premetto che la copertura di cioccolato mi era stata chiesta e commissionata da un cliente, non era prevista dalla ricetta!
Preparare questo soffice plumcake è semplicissimo, in quanto sarà sufficente inserire tutti gli ingredienti nel robot da cucina ed il gioco è fatto!

Ingredienti:

2 banane mature (circa 200gr)
2 uova
100 gr olio di semi di girasole di buona qualità
100 gr zucchero integrale di canna
200 gr farina T1
pasta madre
50 gr gherigli di noce

Procedimento:

Inserire nel robot da cucina gli ingredienti sopra elencati (trane le noci) seguendo sempre la regola: prima gli ingredienti liquidi e a seguire quelli solidi. Se adoperate una farina diversa dalla mia, unitela gradualmente e valutate se ne occorre di più o di meno, la consistenza finale deve essere un impasto denso, il classico da torta.
Quando avrete ottenuto un impasto ben amalgamato e denso, unite le noci ed azionate in frullatore per pochi istanti. Le noci non dovranno frantumarsi, ma rimanere a pezzetti abbastanza sgranocchiabili, il gusto è proprio quello! Ora potete trasferire l'impasto ottenuto nel vostro stampo da plum cake o nella vostra tortiera se preferite e lasciatelo riposare fino al raddoppio. A questo punto potete infornare ad una temperatura non troppo alta, io consiglio 180° tenendolo su una griglia non troppo alta per evitare che si bruci troppo sopra.

Servire a fette!
E per i più golosi..... una colata di cioccolato fondente...

martedì 14 giugno 2011

Crema alle bucce di piselli alla Giovanna


Da bambina odiavo i piselli, li trovavo nel piatto bolliti o insieme alla pasta corta.
Erano stracotti, sfatti, mollicci e non erano poi così buoni.. a volte per smorzare il gusto dolciastro mi venivano presentati con la pancetta (ovviamente salata a fare contrasto)

Oggi li adoro.
Sarà che sono adulta oppure sarà che li cucino come dico io... anzi, li compro come dico io..
Odio i pisellini surgelati del supermercato! Quelli nel banco freezer a nostra disposizione tutto l'anno, dentro "pratiche confezioni plastificate"... Quelli già cotti dentro le lattine poi sono i peggiori, proprio non riesco a mandarli giù....

Sono dell'idea che la verdura vada consumata nella sua stagione.. dunque prediligo sempre la verdura fresca.
Ed i piselli li mangio solamente nella loro stagione: maggio e giugno.
Li compro dal mio contadino di fiducia, ne ho più di uno, nei mercati della mia zona.
Quando rientro in casa adoro sgranarli, sentirne il profumo che sa di freschezza, di genuino e mi viene in mente un mattino d'estate, mi trovavo a Canale Monterano (RM) avevo 12 anni forse.. Ero a casa di Giovanna, lei mi ha insegnato tante cose, avendomi fatto da mamma in assenza della mia, purtroppo...
Quel mattino l'aiutai a cucinare, adoravo cucinare con lei, era bravissima!
Iniziammo a sgranare i piselli freschi dell'orto di suo padre.
Ma poi vidi Giovanna lavare accuratamente sotto l'acqua corrente le bucce dei piselli per poi portarli ad ebollizione!
Mi spiegò che se avevamo la fortuna di avere dei piselli venuti su senza additivi nè sostanze chimiche.. potevamo permetterci il lusso di mangiarne anche le bucce!

Ecco la ricetta di oggi, per far mangiare i piselli anche ai bambini o a chi fa un pò di capricci con le verdure:

Sgranare i piselli freschi e metterli da parte.
Lavare accuratamente le bucce e portarle ad ebollizione, consiglierei circa 20 minuti in pentola a pressione.
Ora prendiamo il passaverdure e cominciamo a passare le bucce dei piselli, ottenendo una bella crema!
Prepariamo a questo punto un bel nitukè con olio extravergine di oliva, cipolla tagliata fine, sale integrale. Copriamo e lasciamo cuocere al minimo facendo cuocere "a vapore" se necessario uniamo un pochino d'acqua di cottura ed infine uniamo la nostra "crema di piselli alla Giovanna" condendo, se necessario, con un cucchiaino di salsa tamari (di soia)

Un'alternativa potrebbe essere unire alla crema ottenuta, qualche cucchiaio di besciamella macrobiotica!
Questa sarà il condimento della nostra pasta oppure il contorno per il nostro secondo piatto..
Ecco un modo simpatico per ingannare i vostri familiari schizzinosi e fargli mangiare della sana e buona verdura di stagione!


CURIOSITA'
  • I piselli contengono meno acqua rispetto ad altri ortaggi
  • sono ricchi di carboidrati, proteine, fibre e sali minerali. I carboidrati sono veramente oltre la media di altre verdure (2-4%); nei piselli sono presenti in media 12g ogni 100g.
  • forniscono una modesta quantità di energie 80 kcal ogni 100g
  • STAGIONE: maggio-giugno

*** dedicato alla mia carissima "mamma" e amica Giovanna Sbaraglia...con la speranza che possa leggerlo e ricordarsi di me