mercoledì 30 marzo 2011

Vellutata di asparagi con gamberi

Finalmente è tempo di asparagi e visto che la loro stagione comprende solo 3mesi, ovvero da fine marzo a fine giugno,cerco di mangiarne il più possibile.... (li adoro!!)

Nel corso della loro stagione ve li proporrò in più varianti, quindi continuate a seguirmi!
Oggi, vi propongo dei gamberi freschi su letto di vellutata i asparagi.

Cominciamo dalla vellutata.
Per prima cosa, cominciamo a preparare la besciamella macrobiotica.
Si tratta di una besciamella senza burro né latte, per questo adatta anche a chi soffre di intolleranze o chi non mangia cibi di origine animale, infatti tra gli ingredienti troviamo semplicemente acqua, olio di girasole, sale integrale, una foglia di alloro e una buona farina.

Quando la besciamella sarà pronta, la lasciamo riposare e nel frattempo potremo occuparci dei nostri asparagi. Propongo un bel nitukè di asparagi, il nitukè è un “soffritto che non è un soffritto” (qui trovate il metodo di esecuzione) quindi seguendo rigorosamente il seguente ordine, mettiamo in una pentola : qualche giro d'olio, della cipolla tagliata sottile, sale integrale e gi asparagi tagliati a piccole rondelline. Copriamo e lasciamo cuocere a fiamma molto lenta, senza mai aprire il coperchio. Il sale sulla cipolla farà uscire l'acqua necessaria alla cottura, se ritenete di doverne aggiungere fatelo solo gradualmente. Quando tutto sarà cotto, se necessario aggiustiamo di sale con un goccino di salsa tamari (salsa di soya) e possiamo frullarlo unendo qualche cucchiaio di besciamella macrobiotica a piacere.

Ora non ci resterà che sgusciare i gamberetti, metterli su una piastra precedentemente scaldata e farli cuocere leggermente, avendo cura di girarli. Basteranno davvero pochi minuti.

Servire la vellutata calda con le code di gamberi accanto.

Questa vellutata può essere anche un condimento per la pasta o mangiata semplicemente così, magari con dei crostini di pane.

Nessun commento: