mercoledì 23 febbraio 2011

Gelato vegan.macrobiotico al melone

Rieccomi qua, qualcuno acclamava una nuova ricetta visto la mia lunga assenza e così vi propongo una ricetta fresca fresca...
Nella mia città oggi c'è aria di primavera, qualcuno già ha voglia di gelato e allora mi son detta:
Forse è giunta l'ora di presentarvi il mio gelato macrobiotico....

L'ho fatto per la prima volta in occasione di una cenetta con un carissimo vecchio amico.
Era un esperimento.
Il mio amico Daniele, fiducioso, ha assistito alla preparazione del gelato.
Eh sì, perchè a prepararlo ci vuole davvero un attimo, quindi ho iniziato la preparazione proprio al momento di.."mangiarlo"

Intanto ve lo presento, eccolo qui.

Ingredienti:

un frutto ovviamente di stagione
malto di riso

strumenti necessari:
congelatore
robot da cucina

Procedimento:
Alcune ore prima di accingervi a preparare il vostro gelato, (diciamo anche una decina) pulite la frutta e congelatela dopo averla fatta a cubetti. Inoltre, nel contenitore del ghiaccio a cubetti, congelate anche il malto di riso.
Trascorse circa 10 ore (non vi consiglio di lasciare la frutta oltre le 10 ore) mettete tutto dentro il robot da cucina, e frullate fino ad ottenere il vostro spumosissimo gelato!!!!! Potrebbe essere necessario aggiungere del malto a temperatura ambiente, regolatevi ad occhio, non sono necessarie dosi.
L'ho fatto con il melone, un gran successo.
Sconsiglio le pesche che rimangono acquose, mentre con la banana è stato anche buono.
Se tenterete con altri frutti, fatemi sapere!

Vi assicuro che questo gelato macrobiotico, assolutamente naturale e semplice da realizzare non ha nulla da invidiare a quello con latte e uova.. oltretutto, il gelato macro..è adatto anche agli intolleranti al latte....

NOTA IMPORTANTE: non utilizzando una gelatiera, è ovvio che il gelato si smonterà in poco tempo, quindi fatelo sul momento e mangiatelo subito!

Pubblicherò nel corso dell'estate, ulteriori varianti fi gelato macro.
Devo sperimentarle.
Gelati ai cereali, alle verdure, frutta secca, legumi e gelati misti.
Ovviamente le ricette saranno diverse.

16 commenti:

romina_a ha detto...

Eccomi qui!!!! Anch'io oggi con una voglia di gelato che mi coccolasse in questa lunga giornata...e ho ceduto..ma non era un gelato così buono e naturale....
Questo mi sembra anche facile da fare....proverò.... e ti farò sapere...

Anonimo ha detto...

Lovely post acuto. Non ho mai pensato che fosse così facile. rispetti a voi!

architettarte ha detto...

Scusami...non mi è chiaro...la frutta la metto nel robot congelata???? Perchè non capisco come fa a venire spumosa se è congelata....
Grazie Federica

**stefycunsy** ha detto...

Ciao Federica,
benvenuta nel mio blog!
Sì, vai tranquilla, metti la frutta congelata a cubetti dentro il robot con il malto, verrà spumosa.

Tieni presente le cose che ho scritto sopra, che il robot non è una gelatiera, quindi l'effetto spumoso direrà poco, il tempo di farlo, servirlo e mangiarlo; e anche che i tipi di frutta vanno sperimentati, ne ho elencati alcuni.

Fammi sapere.
Ciao
Stefania

Anonimo ha detto...

Ciao Stefania,
ti volevo chiedere se è possibile sostituire il malto di riso con il malto d'orzo (ho solo questo in casa)?
Ti faccio sapere come mi è venuto poi

Grazie
Stefano

**stefycunsy** ha detto...

Ciao Stefano,
ben ritrovato :)

Mi piace molto il malto d'orzo (sulle fette biscottate eheh) ma preferisco il malto di riso per la prepararazione di torte,biscotti e in questo caso il gelato, per il semplice fatto che ha un sapore più neutro e di conseguenza non altera troppo il sapore alla preparazione.

Poi è una questione di gusti..

Anonimo ha detto...

Alla fine ho provato con il malto di riso.... risultato eccellente, buonissimo ma soprattutto sano, non come quello che si compra che contiene lo sciroppo di glucosio, zucchero raffinato, latte, aromi. Oltre al gusto è da percepire la differenza tra questo e quello che prendiamo in gelateria dopo averlo mangiato: questo gelato macrobiotico è leggerissimo, quello che si compra è una bomba calorica che resta nello stomaco, e la sensazione di pesantezza l'abbiamo provata tutti.
Sono rimasto molto soddisfatto e non vedo l'ora di provare con il melone... aspettando la stagione dei meloni che non è ancora iniziata.

Ti volevo infine chiedere dato che te sei esperta: il gelato in ambito macrobiotico è consentito saltuariamente? Mi spiego: adesso incomincia il caldo, lo yang, ma questo passare al freddo dello yin del gelato non fa male per il nostro corpo. In genere i piatti macrobiotici cercano di mantenere una temperatura tale da non generare forti sbalzi che possono affaticare il nostro corpo. Cosa ne pensi te?

Grazie mille
Stefano

**stefycunsy** ha detto...

Ciao Stefano, mi era sfuggito questo tuo commento, scusa!
Dunque, io ho seguito la macrobiotica in maniera piuttosto ferrea per un paio di anni e sono stata super attenta a ciò che dici, mi sono concessa pochissimi sfizi e sono andata avanti a riso integrale, legumi, verdure pane tostato e creme di frutta secca. Il fisico e la salute erano in uno stato FANTASTICO ma non vivevo benissimo.
Credo che con il giusto equilibrio, si possa mangiare sano e al contempo stesso concederci sfizi senza eccedere. Insomma, mangia pure il gelato macrobiotico ogni tanto!!! Domani sera ne speriementerò un altro tipo, se riesce bene troverai la ricetta in settimana!
Ciao!

Giusy ha detto...

E io che non ho il robot da cucina ma solo il frullatore????? Va bene lo stesso??? (devo trovare un negozio macro a Grosseto porta miseria ora cerco bene eh!!!!)

**stefycunsy** ha detto...

Sì Giusy va benissimo!
Wow ti sei proprio lanciata eh?1
Ma eri tu quella che..... "macrobiotica MAI PIU'?"

;-)
BENTORNATAAAAAA

**stefycunsy** ha detto...

NON TEMETE LE LAME DEL FRULLATORE, NE USCIRANNO INDENNI!

Giusy ha detto...

ahahahahaha... ehm... qulcuna mi ci ha tirata dentro!!!!! ahahahahahaha chissà chi è?? Tu la conosci??? Bè se la conosci.... dille : Grazie Stefy...... da parte mia!!!!

gian franco Pappalardo ha detto...

ciao,

dici di congelare il malto di riso a cubetti...quanto malto serve per una porzione? quanto melone??? grazieeee...

**stefycunsy** ha detto...

Difficile rispondere.
Il melone dipende quanto è grande e il malto dipende da quanto vi piace dolce e la porzione da quanto sieye golosi..
Quindi vi consiglio di andare "ad occhio" di non essere dipendenti da dosi bilancia e ricette ma seguire la vostra fantasia e gusto personale.
Indicativamente potrei dire che con mezzo melone di media dimensione e una decina di cubetti di malto potresti ottenere due porzioni "umane"
Poi se ti piace più dolce unisci altro malto a temperatura ambiente. A tuo gusto. Fammi sapere!
Ah dimenticavo.. ti consiglio un melone supermaturo ef in questo caso il malto potrebbe essere anche solo un paio di cucchiai congelati.

cetty fogliano ha detto...

ciao stefy,vorrei chiederti visto che ho la gelatiera autorefrigerante , possono evitare di congelare la frutta e il malto.

grazie e complimenti

**stefycunsy** ha detto...

Ciao! Nel caso di questa ricetta, occorre un robot da cucina perchè ha le lame che tritano il melone, mentre le gelatiere hanno le pale tipo plastica, non le lame che tritano.
Quindi credo che dovresti cambiare ricetta se desideri fare un gelato con la gelatiera. Praticamente hai scovato l'unica ricetta senza gelatiera del blog :P
Dai un'occhiata alle altre ;)