mercoledì 15 dicembre 2010

Il profumo dello zenzero - salsina allo zenzero fresco

             
                                                           
Un pomeriggio di qualche anno fa andai a trovare Jerry a casa.
Aveva comprato dello zenzero fresco.
Era la prima volta che lo vedevo.
Avevo sempre sentito parlare dei biscottini allo zenzero, ma in realtà non sapevo che forma avesse, non sapevo praticamente nulla dello zenzero. Ma conoscevo bene la canzone di Elio e le storie tese: natale allo zenzero! Avevo un forte raffreddore, era per questo che Jerry lo comprò, mi disse che lo zenzero è un ottimo antinfluenzale, rafforza le difese immunitarie oltre ad essere digestivo, detergente ed antisettico, ottimo contro lievi ustioni, piccole pustole, scottature e dà sollievo nei momenti di stress.

Solo questa breve descrizione mi fece venir voglia di andarlo a comprare subito, ma.. domandai a Jerry:
  • Come si consuma lo zenzero?
  • Si fa così:
    Prese la radice, la pose sul suo tagliere d'ulivo e con il coltellino in ceramica ne tagliò un pezzetto. Era così fresco che ne uscì subito il succo, con un sorriso avvicinò quel piccolo pezzetto di zenzero al naso per sentirne il profumo, ad occhi chiusi... e lo stesso fece con me. Sembrava limone, ma dall'odore ancora più intenso, infatti assaggiandolo risulta anche lievemente piccante. Infine lo sbucciò, lo mise dentro un pentolino a bollire con acqua, per ricavarne una calda, piccante, ristorante e sfiziosissima tisana allo zenzero.                                                                                              
Per il mio raffreddore e per quel freddo pomeriggio d'inverno che presto ci scaldò...

Ma lo zenzero si presta molto anche in cucina, sia per preparazioni dolci che salate.
Si può grattuggiare fresco per unirlo a qualunque piatto in cucina, sul pesce, sulla carne, sui risotti, sulle nostre fritture.. Ho sentito di alcune persone che per conservarlo, lo grattuggiano tutto e lo conservano nel congelatore a ghiacciare. Al momento dell'uso, ne spezzano con le dita un frammento; ma secondo la mia opinione, questa operazione non è affatto necessaria, in quanto lo zenzero si conserva per parecchio tempo in frigorifero e all'occorrenza se ne può tagliare il pezzetto necessario.
Sono dell'idea di congelare il meno possibile, perchè mai congelare un prodotto fresco?!

A quel punto vi consiglierei di acquistare lo zenzero secco, in pezzi.
Si può conservare in vasetti di vetro e grattare all'occorrenza, come si fa con la noce moscata, per intenderci.

Oggi vi propongo una salsina allo zenzero ottima per accompagnare i vostri soffritti, ad esempio la tempura di verdure.

SALSINA ALLO ZENZERO FRESCO:


Grattuggiate dello zenzero fresco, mettete la polpa ottenuta dentro una garza o un tovagliolo di carta e strizzate fino a ricavarne un profumatissimo e meraviglioso succo liquido. 
A questo punto potrete unire pochissima acqua e della salsa di soia o tamari.
Nient'altro. La vostra salsina è pronta.
Per quanto riguarda le dosi, regolatevi a piacere, lo zenzero sarà piccantino, la soya conferirà in sapore salato, l'acqua bilancerà il sapore, quindi è una questione di gusti!



3 commenti:

Anonimo ha detto...

Che abbinamenti consigli per questa salsina? Quindi tu usi solo la polpa e non il succo?

massimo

**stefycunsy** ha detto...

ciao Massimo, in effetti non m soo spiegata benissimo. n realtà, la polpa rimane nella garza ed il succo è ciò che ricaviamo, strizzando la polpa. Dunque adopero il succo.

Ho usato questa salsina per condire i miei sushi cunsy oppure come accompagnamento per la frittura di tempeh (che è una lavorazione ottenuta dalla soya) maconsiglio questa salsina, dal gusto molto forte e deciso proprio per accompagnare tempure e fritti in genere.

Lorenzo ha detto...

Ottima salsina, anche l'accompagnamento ci sta bene, idea interessante.